Home Tutte le Ricette Vellutata di cavolfiore

Vellutata di cavolfiore

seguici...
vellutata_di_cavolfiore_ricetta_semplice
Print Friendly, PDF & Email

Vellutata di cavolfiore: un primo piatto leggero e gustoso, servito con dei crostini di pane passati in padella con un filo d’olio, diventa un piatto perfetto da gustare nelle fredde serate invernali per fare il pieno di vitamine e per rinforzare il sistema immunitario. Pur avendo numerosi proprietà il cavolfiore non è un ortaggio molto amato nè dai bambini nè dagli adulti a causa del suo odore molto intenso; con la cottura a vapore (semplicissima da realizzare anche senza vaporiera) l’odore sarà meno invadente ma soprattutto le proprietà di cui è ricco resteranno inalterate, a differenza della classica cottura in acqua che fa disperdere gran parte dei benefici di questo prezioso ortaggio. In fondo alla pagina troverete la scheda con tutte le proprietà, le vitamine e i minerali che contiene. Va bene anche per creare un piatto completo per i bimbi (anche durante lo svezzamento) aggiungendo qualche cucchiaio di questa crema con un po’ di Parmigiano alla pastina dei bimbi. Provate!

Potrebbe interessarti con gli stessi ingredienti: pasta e cavolfiore alla napoletana, cavolfiore in pastella, pasta al forno con cavolfiore.

Ingredienti per 2 persone

1/2 cavolfiore
olio extravergine di oliva
aglio e sale
prezzemolo 

****

Come fare la Vellutata di cavolfiore

Togliete le foglie esterne del cavolfiore, tagliate il fusto interno duro e staccate le cimette, sciacquatele sotto acqua corrente e disponetele nel cestello per la cottura a vapore (oppure in uno scolapasta) sovrapposto su una pentola riempita d’acqua per metà; disponete le cimette con la testa verso l’alto (per la pulizia e il taglio clicca qui)

Vellutata di cavolfiore
Vellutata di cavolfiore

Fate cuocere per 15 minuti dall’ebollizione coprendo il cestello con un coperchio della stessa larghezza.

Mettete il cavolfiore in una ciotola stretta aggiungete 3-4 mestoli piccoli dell’acqua utilizzata per la cottura, salate e frullate col mixer ad immersione, fino ad ottenere una purea densa e vellutata. Preparate i crostini di pane: tagliate qualche fetta di pane mettete un filo d’olio in una padella e lasciate tostare le fettine di pane, tagliatele poi a dadini e metteteli nel piatto con la vellutata di cavolfiore, aggiungete pepe e prezzemolo e servite ancora calda. Ed ecco pronta la vostra vellutata di cavolfiore. Buon appetito!

VINO DA ABBINARE: Colli bolognesi Savignon

In questo blog per gli abbinamenti dei vini ho consultato il più delle volte il sito: http://www.vinacciolo.it/

 

PROPRIETA’ BENEFICHE DEL CAVOLO 

(Tratto dal sito: http://www.cavolfiori.it/benefici-cavolfiore.cfm )

“Ricco di vitamine e sali minerali, il cavolfiore è un alimento sano ed equilibrato, essenziale in ogni tipo di dieta. Le sue qualità, sia nutritive che officinali, sono conosciute sin dai tempi antichi, molti metodi curativi includevano infatti i cavolfiori, la cui azione terapeutica è stata poi confermata da successive analisi specifiche.

La presenza di Calcio, Potassio, Zolfo, Iodio, Ferro e Fosforo, nonché di vitamine A, B1, B2, C, K, PP e Acido Folico, rende questo ortaggio molto benefico ed energetico.
A basso contenuto calorico, ha infatti solo 25 calorie per 100 grammi, risulta ottimo anche durante le diete dimagranti, ma è consigliabile un uso non frequente per chi ha problemi di colon irritabile, infatti grandi quantità di cavolfiore possono provocare gonfiore e problemi gastrointestinali.

Le azioni benefiche sono innumerevoli, prima di tutte il rafforzamento delle difese immunitarie, vista l’abbondante presenza vitaminica. Recenti ricerche hanno confermato la sua azione positiva contro il colesterolo e l’insorgere del cancro, possono inoltre essere annoverati i suoi poteri antinfiammatori, antiossidanti, antibatterici e antiscorbuto.
Celebre la sua azione rimineralizzante e depurativa, non contiene glutine e può essere tranquillamente consumato anche dai diabetici. La clorofilla contenuta nel cavolo verde rinforza la produzione di emoglobina ed è dunque molto utile a chi soffre di anemia.

Come tutti gli ortaggi, perde parte dei suoi contenuti durante la cottura, è quindi preferibile consumarlo crudo, ad ogni modo la sua acqua di cottura può essere usata a scopi terapeutici, risulta di fatto efficace contro eczemi ed infiammazioni generiche.

Bere o assumere succo di cavolo ha azioni benefiche per l’organismo e in modo particolare:
1 o 2 bicchieri al giorni aiutano l’organismo a combattere l’affaticamento, il diabete, l’influenza, l’anemia, la depressione e il nervosismo.
2 o 3 bicchieri al giorno contro l’ulcera gastrica e la gastrite.
Qualche goccia di succo fresco di cavolo negli occhi aiuta a guarire le irritazioni.
Succo di cavolo con miele, sia ingerito che usato per gargarismi, serve a curare l’afonia.”

Vellutata di cavolfioreVellutata di cavolfiore

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here